Formula E e stabilimento Renault di Flins

Una visita allo stabilimento Renault di Flins e alla Formula E a Parigi da parte di Fully Charged (Video)

Stabilimento Renault di Flins e non solo…

Robert Llewellyn – istrionico conduttore del canale online Fully Charged – partecipa ad un evento della Formula E a Parigi e si ferma presso il vicino stabilimento Renault di Flins, dove viene prodotta la Renault ZOE, berlina compatta 100% elettrica.

stabilimento Renault di Flins

Lo stabilimento Renault di Flins* è attualmente il più grande sito produttivo europeo di auto elettriche (dato che la ZOE è il modello totalmente elettrico più venduto in Europa).

L’episodio più recente di Fully Charged si concentra sulla Formula E, su una dimostrazione di acrobazie da parte della flotta di Renault ZOE e su un colloquio con i manager di Renault, incentrato sulla ZOE e sul futuro dei veicoli elettrici (seconda vita delle batterie e ricarica controllata dalla rete elettrica).

Alcune affascinanti intuizioni sul modo in cui la Formula E sta sperimentando le tecnologie che useremo sulle prossime auto elettriche, un bel giretto su una Renault Zoe standard e un po’ di roba realizzata sulle linee Renault a Flins.

Tenetevi forte e buon divertimento!

 

Descrizione delle stabilimento Renault di Flins* (come riportato dall’Ufficio Stampa del Costruttore)…

Fiore all’occhiello della gamma elettrica di Renault, ZOE viene prodotta nel sito industriale di Flins da fine 2012 sulle stesse linee di Clio. La sua industrializzazione è la storia di una sfida di successo per la fabbrica di Flins che, nello stesso anno, è riuscita a mettere in produzione, sullo stesso sito, ZOE e Nuova Clio, due veicoli strategici per la Marca ed estremamente diversi l’uno dall’altro. Il personale di Renault ha dato prova di grande ingegno nel limitare al minimo le modifiche degli apparati industriali e integrare armoniosamente le peculiarità di ZOE elettrica nei processi di fabbricazione. Un osservatore poco esperto, guardando la linea, non potrebbe distinguere il processo di fabbricazione di ZOE da quello di Nuova Clio: le carrozzerie sono realizzate in maniera pressoché identica.

Stabilimento Renault di Flins – Perfetta integrazione delle modifiche nel processo di fabbricazione

L’arrivo di ZOE ha costretto l’impianto a qualche adattamento dei processi di produzione. La trasformazione più radicale ha riguardato il reparto lamiere, dove si costruiscono porte e portelloni. I macchinari industriali dovevano essere abbastanza flessibili da produrre questi componenti per quattro modelli diversi: ZOE, Nuova Clio, Clio Collection e Nuova Clio RS. In precedenza, invece, si lavorava solo su Clio III e Clio III RS. Le scocche nude delle versioni RS vengono successivamente verniciate e montate nello stabilimento di Dieppe. Approfittando delle vacanze estive del 2011 e 2012, è stata lanciata una grande opera di riorganizzazione e allestimento: una superficie equivalente a mezzo campo da calcio è stata completamente rasa al suolo e ripulita. Gli strumenti sono stati sezionati alla base con enormi pinze trincianti e caricati su una benna; la pavimentazione danneggiata è stata in seguito ricostruita. La nuova installazione industriale si avvale in totale di 550 robot, di cui 150 supplementari per garantire la flessibilità necessaria ed eseguire gli interventi di saldatura extra richiesti da ZOE. Per ottenere le cinque stelle ai test Euro NCAP, la piattaforma di ZOE è stata rinforzata in modo da proteggere la batteria collocata sotto il pianale. In produzione, questo si traduce in 500 punti di saldatura in più rispetto a una normale vettura. Catena e linea di montaggio sono state unite per facilitare l’installazione della batteria nel sottoscocca di ZOE. Per Clio Collection e Nuova Clio, in questo punto non viene effettuata alcuna operazione. In definitiva le tre carrozzerie percorrono la stessa linea in maniera assolutamente omogenea.

Stabilimento Renault di Flins – Officina di montaggio della batteria: un processo totalmente nuovo caratterizzato da un elevato livello tecnico e sicurezza ottimale

Per la prima volta in Renault, la batteria è assemblata direttamente in fabbrica, in un’officina di 500 m2: un progetto che per un anno e mezzo è stato coperto dalla massima riservatezza. Anche in questo caso, il sito produttivo ha vinto una sfida: installare, in una fabbrica di auto dove gli operai si muovono “in processione”, una linea di montaggio più simile nei processi di fabbricazione a quella di un organo meccanico, con postazioni di lavoro fisse. Dopo lunghe riflessioni, si è deciso il processo di montaggio della batteria. Gli operai lavorano sulla batteria da ferma per garantire la qualità di esecuzione, ma entro un certo limite di tempo per non compromettere il flusso di fabbricazione dei veicoli. Se non terminano il proprio compito nel tempo stabilito, hanno la possibilità di trattenere la batteria premendo un pulsante. Altrimenti la batteria passa alla postazione successiva. L’officina di assemblaggio delle batterie risponde a criteri di qualità e sicurezza molto severi. Nella sua organizzazione, è più vicina a una camera bianca che non a un reparto industriale classico. Per proteggere i lavoratori, il team di progetto ha optato per una forte automazione dei processi, soprattutto negli interventi sulle batterie a 400 volt. Il 34% delle operazioni viene eseguito da robot, contro il 10% di un’officina di montaggio meccanico. Tutti gli operatori dell’officina di montaggio della batteria hanno un’abilitazione particolare che consente loro di lavorare in un ambiente così speciale. L’officina è divisa in due zone di sicurezza distinte, una a 60 volt e una a 400 volt. Per ridurre i rischi elettrici, la maggioranza delle operazioni manuali viene eseguita nella zona a 60 volt. La batteria viene messa sotto tensione all’ultimo momento sulla catena di montaggio, a opera di due tecnici appositamente formati. A tale fine è stato previsto un accesso al carter della batteria per permettere agli operatori di collegare i moduli tra loro alla fine del processo.Per ottimizzare la qualità di montaggio dell’involucro di protezione della batteria, la fabbrica produce internamente il giunto bicomponente utilizzato per fissarlo: un giunto lungo cinque metri applicato da un robot sul perimetro dell’involucro facendolo passare tra i dadi. L’operazione avviene con precisione millimetrica, grazie a un primo robot che individua la posizione dei dadi e invia la traiettoria esatta al secondo robot che effettua la posa.Successivamente, tutte le batterie sono testate per verificarne la tenuta stagna e le proprietà elettriche in fase di carica e scarica; dopodiché vengono immagazzinate in attesa di essere montate su ZOE.

Redazione

Redazione

Gruppo Acquisto Auto elettriche GAA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi